Qui si parla di corse in moto – SBK, MotoGP e Cross

Cairoli MXGP
Tony Cairoli Campione del Mondo MXGP 2014

Inizio a bomba tributando onori a Tony Cairoli per la conquista dell’ottavo titolo mondiale Motocross, il sesto consecutivo nella MXGP. Ancora un campionato del mondo e finalmente, anche lui, potrà parlare di moto!

JEREZ SUPERBIKE

Si corre a Jerez e Melandri non si fa scappare l’occasione per rompere le uova nel paniere al compagno di squadra Guintoli, vincendo entrambe le gare proprio davanti al francese. Se Aprilia avesse dato disposizioni diverse (vedi ordini di squadra) ora Guintoli avrebbe solo 21 punti di distacco da Sykes con ancora quattro manches da disputare.

Proprio Sykes è stato protagonista di due gare opache che gli hanno fruttato un quinto e un terzo posto. In casa Ducati, come spesso è successo in questa stagione, si è gioito per le prestazioni di Chaz Davies, terzo e quarto, e si è “smoccolato” per i soliti “zero”  di Giugliano, caduto in gara 1 e ritirato in gara 2 per un problema tecnico.

In casa Honda, l’unica notizia degna di nota è l’addio di Jonathan Rea che approderà sicuramente in Kawasaki, al posto di Baz che parte, direzione MotoGP. Sarà sicuramente una brutta gatta da pelare per Sykes. Per quanto riguarda Haslam due anonimi piazzamenti in settima e ottava posizione.

In Supersport vittoria di gara e conquista del titolo per l’olandese Michael vd Mark che, a parte la prima gara in Australia, ha sempre concluso le gare sul podio, conquistando 5 vittorie e 3 secondi posti. Per lui si parla di un approdo in SBK, sempre con la Honda di Tenkate, in sostituzione di Rea.

Sventola il tricolore d’italia nella 600 Superstock grazie a Marco Faccani che succede a Franco Morbidelli nell’albo d’oro della categoria. Il pilota di Ravenna ha conquistato la quinta gara della stagione, portando a casa il titolo europeo con una gara di anticipo e l’anno prossimo farà il salto in Supersport sulla Kawasaki del Team Puccetti, al fianco del turco Sofuoglu.

Nella STK 1000 vince l’argentino Mercado lasciando aperta la questione titolo mondiale e dovrà vedersela con il nostro Lorenzo Savadori nella gara di Magny Cours.

Notizia dell’ultima ora Pirelli si conferma fornitore unico fino al 2018.

BRNO & SILVERSTONE MOTOGP

La gara di Brno della MotoGP ci ha privato della possibilità di vedere Marc Marquez vincere tutte le gare, confermando comunque lo strapotere della Honda HRC grazie alla vittoria di Pedrosa.  Questo non fa altro che alimentare i miei dubbi sul fatto che, a volte, i team scambiano le moto, proprio per raccogliere informazioni diverse, secondo me.

La realtà dei fatti invece ci dice che Marquez, scattato male dalla pole, ha faticato più del solito per riportarsi sui primi, senza riuscirci e per la prima volta da quando corre in MotoGP ha chiuso fuori dal podio, quarto. Davanti a lui, oltre a Pedrosa anche la coppia Yamaha Factory Lorenzo-Rossi.  A suo favore va detto che si è addossato la responsabilità di una gara incolore, senza cercare scuse. Numero 1 anche in questo.

Due settimane dopo Brno si è corso a Silverstone e Marquez ha subito rimesso le cose a posto. Sempre davanti in tutte le sessioni di libere, nelle qualifiche e nel warm up per finire con la vittoria in gara dopo una splendida lotta con Lorenzo che, secondo me, dovrebbe rosicare un pò meno. Ancora terzo Valentino Rossi davanti a Pedrosa, ritornato nei ranghi e ad Andrea Dovizioso, felice di aver limitato il ritardo dal vincitore a meno di 10 secondi.

Il lavoro di Dall’Igna comincia a farsi vedere e la prossima stagione sarà veramente un appuntamento  importante, considerando anche l’apporto di Iannone che potrà dare alla causa Ducati molto più di quello che (non) ha dato Crutchlow.

In Moto 2 vittoria di Rabat sia nella gara di Brno che nella gara di Silverstone. In entrambe le gare il pilota spagnolo ha preceduto il compagno Mika Kallio ed ora i due sono separati, in classifica generale, da soli 17 punti. A Brno si è rivisto Sandro Cortese (campione del mondo della Moto 3 nel 2012 per chi non lo ricordasse) che ha conquistato il terzo posto ad oltre sei secondi da Rabat mentre a Silverstone, la terza piazza è andata a Maverick Vinales.

In Moto 3 registriamo la prima vittoria nel mondiale del francese Alexis Masbou (Honda) che batte in volata il nostro Enea Bastianini e l’inglese Danny Kent. Quarto posto per Alex Marquez davanti a Miller e Binder. Undicesimo Fenati. La gara della Moto 3 è stata sicuramente la più emozionante con tantissimi piloti in grado di potersi giocare la vittoria. A testimoniare questo c’è il cronometro che dice che i primi dieci al traguardo sono racchiusi in poco più di un secondo!

A Silverstone si rivede Alex Rins che vince davanti al compagno di squadra Marquez, entrambi su Honda. Al terzo posto c’è Enea Bastianini che bissa il podio di Brno, nonostante il piede destro dolorante.  Settimo Niccolò Antonelli. In ottica campionato, Jack Miller limita i danni chiudendo sesto mentre Fenati chiude fuori dai punti in sedicesima posizione.

L’appuntamento è per Misano il 12-13-14 settembre.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *