Qui parliamo di corse in Moto – Mugello MotoGP

Finalmente la MotoGP è arrivata al Mugello e migliaia di spettatori hanno potuto godere di uno spettacolo fantastico, sulle tribune e sui prati del circuito adagiato sull’appennino tosco-emiliano (così dicono quelli bravi no?).

Tre gare bellissime, con l’affermazione di Romano Fenati in Moto 3 e le vittorie spagnole di Rabat e Marquez (sto ragazzo è bravo) in Moto2 e MotoGP. I tanti tifosi di Rossi che hanno invaso la pista e tutti quelli che hanno “saltato sul divano” hanno potuto festeggiare il proprio beniamino, salito sul terzo gradino del podio dietro al compagno di squadra Lorenzo. Come sempre, in occasione delle gare di casa, Rossi ha sfoggiato una nuova grafica del suo casco AGV che stavolta ha lasciato molto a desiderare. Sull’elmetto di Valentino stavolta ha trovato spazio una grafica raffigurante della pasta con il marchio Di Vale (Di Vella) e la scritta Maccheroni prodotto italiano, il tutto a significare che si sente ancora ” Al Dente” e non è affatto “cotto”. Comunque, congratulazioni per il 300 GP di Rossi, festeggiati proprio al Mugello.

Romano Fenati
Romano Fenati | Team Sky VR46

Moto 3

La gara della Moto 3 ha regalato il solito spettacolo dal primo all’ultimo giro con un gruppetto foltissimo di piloti a giocarsi la vittoria ed il podio. Alex Marquez, Enea Bastianini, Jack Miller, Romano Fenati, Alexis Masbou, Isaac Vinales e molti altri, tutti in lotta fino all’ultimo giro quando una caduta multipla al Correntaio ha messo fuori gioco Bastianini, Miller e Marquez. Il gruppo in lotta per la vittoria si è ridotto così a “soli” 7 piloti, tutti lanciati all’uscita dalla Bucine, l’uno in scia dell’altro. La vittoria è andata a Fenati che ha sfruttato il traino di Vinales e Rins, uscendo dalla scia al momento giusto e riuscendo a mettere la ruota (e il trasponder) davanti agli avversari per soli 10 millesimi.

Tito Rabat
Esteve Rabat | Team Marc VDS Racing

Moto 2

La gara dall’esito più scontato era proprio quella della Moto 2 ma le difficoltà incontrate durante il primo giro dallo spagnolo hanno di fatto reso la gara più interessante. Folger ha fatto la lepre nei primi giri seguito dai vari Salom, Kallio, Lowes e lo stesso Rabat, più indietro tutti gli altri. Subito dopo la metà dei giri percorsi Rabat si è portato al comando imponendo un ritmo superiore, anche se non di molto, a quello dei suoi avversari, andando alla fine a vincere davanti a Salom e Folger. Bel quarto posto per Simone Corsi mentre Mattia Pasini è caduto nel corso dell’ottavo giro mentre era quinto. Franco Morbidelli ha chiuso decimo mentre De Angelis e Baldassarri hanno finito fuori dai punti.

Marc Marquez
Marc Marquez | HRC

MotoGP

Il clou di giornata, manco a dirlo, è stata la gara della MotoGP che ha visto vincere Marc Marquez davanti a Lorenzo e Rossi. Il numero 93 della Honda si è aggiudicato la sesta gara stagionale (su sei) faticando non poco per battere un determinatissimo Jorge Lorenzo cui non è bastato stare davanti all’avversario per 21 giri su 23. Nei primi due giri anche Iannone si è visto nelle posizioni che contano ma la festa è durata poco e la Ducati numero 29 ha chiuso la gara al settimo posto. Rossi, arrivato in terza posizione nel corso del quarto giro ha girato più o meno come i primi ma non ha mai dato l’impressione di potersi riagganciare al duo di testa ed ha terminato la gara staccato di oltre due secondi e mezzo. Andrea Dovizioso ha chiuso al sesto posto dietro a Perdosa e Pol Espargarò. Ottava posizione per Alvaro Bautista mentre Crutchlow e Bradl non hanno finito la gara.

In sintesi, solito magnifico spettacolo regalatoci dai pilotini della Moto 3, una categoria secondo me bellissima, con moto bellissime e divertenti da guidare, con tantissimi piloti in grado di regalare emozioni. Con la vittoria di Fenati e lo “zero” rimediato da Miller i giochi si fanno molto più interessanti. La Moto 2, mi spiace dirlo, mi mette tristezza. I vari Rabat, Kallio, Corsi e gli esordienti Folger, Vinales, Salom sono piloti molto forti ma non accendono lo spettatore, almeno per quanto riguarda chi scrive. La MotoGP, oltre a confermare Marquez come mattatore assoluto, ritrova un Jorge Lorenzo finalmente in forma fisica e psicologica ottimale e secondo me sarà il solo a poter impensierire seriamente MM93.

Le gare le ho viste su Cielo che trasmetteva la gara italiana in diretta e l’impressione che ho avuto ad inizio stagione non è affatto cambiata. Immagini sensazionali nello splendore dei 2500 fps (frame per second) e commenti poco competenti e sempre alla ricerca del sensazionalismo e di improbabili neologismi. Sicuramente chi ha l’abbonamento può scegliere cosa guardare utilizzando il menu interattivo ma su Cielo, per quanto riguarda la MotoGP, le inquadrature hanno riguardato solo i primi 3, con l’eccezione del replay della caduta di Crutchlow che ha coinvolto l’incolpevole Bradl. Che Bautista fosse in gara, per esempio, me ne sono accorto quando ha tagliato il traguardo. Penso proprio che le prossime gare le guarderò tutte in streaming. Piccola postilla per il casco di Rossi: in passato abbiamo visto di meglio. Le idee cominciano a scarseggiare??

One comment

  1. Moto 3 sempre spettacolare, Fenati mi sta stupendo.

    MotoGP… bella gara, tesa fino all’ultima curva, sono convinto che gli ultimi 2 giri Lorenzo li ha fatti in overburn, non aveva più la lucidità per un attacco preciso e determinante. Se è tornato davvero le vedremo già da Barcellona.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *