Qui parliamo di corse in moto – GP del Qatar

Rossi | Pedrosa |Marquez GP del Qatar
Rossi, Marquez e Pedrosa sul podio della MotoGP

Questa settimana esco di martedì, come faceva una volta (lo fa ancora?) il simpatico settimanale motosprint. Nel weekend appena passato hanno esordito i campionati mondiali 2014 MotoGp, Moto 2 e Moto 3 ma soprattutto c’è stato l’esordio di Sky, proprietaria dei diritti esclusivi del motomondiale.

Iniziamo dalla pista: La Moto 3 ha riservato il solito spettacolo con molti piloti a giocarsi la vittoria. Vittoria che è andata all’australiano Jack Miller su Ktm davanti agli spagnoli Alex Marquez ed Efren Vazquez su Honda. Il migliore degli italiani è stato Niccolò Antonelli davanti a Francesco Bagnaia. Romano Fenati, dominatore delle prove libere, ha chiuso dodicesimo. Non l’inizio che ci si aspettava per il team VR46. Il record della pista è stato fatto segnare dal francese Alexis Masbou in 2’05”862 migliore addirittura del tempo della pole position di Alex Rins. La Honda di Masbou è in testa anche nella classifica delle “Top Speed  seguito dalla Honda di Vazquez e dalla Kalex Ktm di Guevara.

In Moto 2 vittoria di Tito Rabat con la Kalex del Team Marc VDS davanti a Nakagami  e Kallio ma il giapponese è stato poi squalificato per aver utilizzato un filtro dell’aria non permesso dal regolamento. Il terzo posto quindi è andato allo svizzero Luthi.

E arriviamo al clou della serata: la gara della MotoGP

Solita partenza a razzo di Jorge Lorenzo che però si sdraia nel corso del primo giro dando inizio ad una serie di cadute che influenzeranno (non poco) la classifica. Giù anche Iannone che però chiuderà decimo. Via libera quindi per le Honda di Bradl e Marquez ma il tedesco cade giù al nono giro. Stessa sorte per Bradley Smith e Alvaro Bautista. Al comando si trovano Valentino Rossi e Marc Marquez con quest’ultimo che conquista la vittoria in volata davanti a Rossi e Pedrosa. Quarto Aleix Espargarò.

Veniamo alle conclusioni: in Moto 3 la Honda è migliorata moltissimo, tanto da trovarsi in testa alla classifica delle velocità massime mentre, per ora, i piloti passati da Honda a Ktm sembrano non aver giovato della competitività delle moto austriache. Da rivedere Fenati, Bagnaia e Antonelli. Strano e per certi versi incomprensibile il passaggio da Honda a Mahindra da parte del team Italia. La moto indiana però non va male, almeno nelle mani del portoghese Oliveira. Bocciati per ora Locatelli e Ferrari.

In Moto 2 ha vinto quello che secondo me è il candidato principale alla vittoria finale, lo spagnolo Rabat. Hanno chances anche Kallio, Luthi e Nakagami ma il giapponese dovrebbe quanto meno iniziare a vincere qualche gara mentre gli altri due necessitano di più regolarità. Outsider potrebbero essere Vinales, Cortese, Lowes e Corsi mentre Pasini e De Angelis sembrano destinati (sempre per ora) a navigare nelle posizioni di rincalzo.

La MotoGP ha riproposto sul podio due dei tre protagonisti dello scorso anno. E’ mancato Jorge Lorenzo caduto a causa di “un errore da principiante”. Rossi ha ripetuto il risultato del 2013 giocandosi la vittoria con Marquez fino all’ultimo ma la differenza di prestazioni in prova lascia pensare ad una stagione come quella passata. Pedrosa conclude la gara al terzo posto, senza alti e con molti bassi. La domanda che in molti si fanno è: chi sarà sulla Honda HRC il prossimo anno?

Durante le prove (e durante i test invernali)si è fatto un gran parlare sugli ipotetici vantaggi di cui avrebbero potuto giovare le moto in configurazione Open: ebbene Espargarò ha chiuso al quarto posto a 11 secondi da Marquez e con almeno tre piloti che avrebbero potuto finire davanti a lui. Quindi solo chiacchiere. Apprezzabile il miglioramento fatto registrare dalle due Ducati con Dovizioso e Crutchlow quinto e sesto seguiti dalle Honda Open di Redding e Hayden.

Veniamo alla cosa più divertente: il commento di Sky

Per quanto riguarda le immagini nulla da eccepire. La meraviglia dell’alta definizione è stata enfatizzata dal fatto di correre in notturna sotto i riflettori e anche la Honda di Hayden è sembrata una bella moto dai colori sgargianti. Brutte anche di notte invece le moto del Team Marc VDS Moto 2 di Rabat e Kallio mentre la più bella, secondo me, era la Kalex di Nakagami. Filtro dell’aria a parte. Bellissime le Honda Moto 3 di Marquez e Rins sia per i colori sia per il doppio scarico che ricorda un po la Ducati 916.

La cosa più tragica a mio avviso è stato il commento:  Filicic, Triolo ma anche Sanchini e Capirossi. E’ stato un weekend di “cappelle” inenarrabili. Ho notato una certa propensione a scimmiottare il commento di Meda, (ci prendiamo un ride through quando si va in pubblicità) inventando neologismi a non finire, così come si continua a dire “casco rosso” quando un pilota fa segnare tempi record. Signori il casco rosso nell’info grafica non c’è più da anni. Non vi viene in mente che qualcuno possa non capire cosa dite? Deludenti e non poco a mio avviso le voci tecniche, Sanchini e Capirossi, soprattutto quest’ultimo. Più che un ex pilota sembrava un ultrà della telecronaca e da parte sua non ho sentito il benché minimo commento “tecnico” e occasioni ce ne sono state molte. Io per esempio avrei apprezzato molto un commento “da pilota” sulle molte cadute, tutte avvenute nello stesso punto. Invece niente.

E per finire, lo studio MotoGP su Cielo.

Nutro tantissima  stima per Agostini e Lucchinelli (più per il primo che per il secondo) ma quei due messi li sembrano Ale e Franz quando fanno lo sketch della panchina mentre il conduttore (Davide Camicioli, ex calciatore) sembra uno che passa di li per caso e prova ad intromettersi in una discussione di cui capisce poco. Per il resto solite marchette a favore dei soliti noti e Lucchinelli che ci ricorda ad ogni occasione che è stato campione del mondo. Rimandati ad Austin.

immagine da motogp.com

One comment

  1. Ti stai scaldando .. bene  😉

    Condivido praticamente tutto, bella la Moto 3, la Honda mi pare abbia fatto una bella moto, Marquez junior nonostante l’errore in mezzo giro è riuscito a prendersi il secondo posto, bravo!  😯

    MotoGP emozionante, bellissima gara, Marquez ha dimostrato (come se ce ne fosse bisogno) che ha si una gran moto, ma ha un gran manico, non è il campione del mondo per caso, ennesima dimostrazione di talento puro. Tuttavia sono anche convinto che se avesse fatto i test e se si fosse presentato in condizioni fisiche OK, avrebbe dato mezzo secondo al giro a tutti. Rossi gran gara, mi sembra decisamente più performante e sicuro dell’anno scorso, la moto sembra più “cucita” su di lui e meno su Lorenzo. Ducati… piccoli progressi, ma c’è tantissimo da fare.

    Commento Sky.. rimandato alla prossima per un giudizio più completo, lo studio con i 3 personaggi… per me si può anche chiudere  :mrgreen:

    D.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *