Test MotoGP 2016 a Sepang, la mia analisi

casey-stoner-ducati-motogp-2016-test-sepang-7

Si sono appena conclusi i primi test MotoGP 2016 a Sepang, eccovi la mia analisi da bar o poco più  :mrgreen: 🙂 :mrgreen:

Questi test erano attesissimi per una serie di motivi, tecnici e non, che si possono riassumere in:

  1. Saggiare il “clima” di tensione ai box dopo l’agitatissimo finale di stagione 2015
  2. Il ritorno di Casey Stoner alla Ducati
  3. Le nuove gomme Michelin e la centralina unica e il responso della pista

 

1. Il clima ai paddock

Sono ormai passati 3 mesi dalla fine del campionato 2015, ➡  come tutti ricorderete , a prescindere per chi tifate, è finita a schifio per tutto il mondo della motoGP.
Premesso che a mio avviso nessuno tra Lorenzo,Rossi e Marquez può considerarsi innocente  😳 , anche la Race Commission ci ha messo del suo nell’incasinare ulteriormente il campionato.
Carmelo Ezpeleta padron della DORNA, a Sepang che comunicato per dal 2016  la Race Commission si occuperà di far rispettare il regolamento dal punto di vista tecnico (ad esempio un eccesso di velocità nel box), mentre una nuova commissione sportiva si occuperà di sanzionare gli episodi più connessi alla guida, per intenderci, un episodio analogo a quello Rossi-Marquez verrebbe giudicato da questo nuovo organo.

2. Il ritorno di Casey Stoner alla Ducati

Si può tranquillamente affermare che Casey Stoner ha catalizzato su di se almeno il 50% delle attenzioni di questi test. Il fenomeno australiano è tornato il sella alla Ducati dopo quasi 10 anni dal mitico 2007 quando vinse il primo titolo mondiale per la Casa bolognese. Il canguro mannaro è proprio un bel … volpino  :mrgreen: , come direbbe Ezio Greggio.
I giornalisti vogliono farci credere che Stoner sia tornato in Ducati per via del presunto NO di Marquez al suo ritorno in sostituzione di Pedrosa nelle prime 3 gare dello scorso anno, ricordate?
Bhe io non credo che Marquez abbia tutto questo potere, la decisione penso l’abbiano presa Nakamoto e Suppo, sempre ammesso che l’opzione Stoner fosse davvero fattibile.
La Honda si è tenuta Stoner a contratto per 3 anni per diversi motivi: nel 2013 Marquez era un rookie e come tale una scommessa (poi vinta), avere un Stoner tra le fila  da usare come collaudatore e promoter faceva comodo, poi chissà .. magari con il tempo avrebbe riflettuto sul suo ritiro.
Il non averlo fatto correre l’anno scorso siamo sicuri che è stata una scelta così sbagliata?
Guardate cos’è successo in questi test. Stoner è sceso in pista, è andato fortissimo e ha completamente oscurato i due Andrea ufficiali che devono poi fare il campionato ❗ , una bella rogna da gestire nel box non c’è che dire ❗ .
Dite quello che volete ma secondo me Stoner ha trovato la sua quadratura del cerchio: prende un sacco di soldi, gira quando vuole e se ne sta lievemente defilato, in pratica un consulente di lusso, e a mio parere di gare non nè farà …

2. Le nuove gomme Michelin , la centralina unica e il responso della pista

Basta chiacchiere, che parli il cronometro  😛 .
Nuove gomme , elettronica uguale per tutti sono due novità tecniche importantissime, sulle gomme c’è da dire che la posteriore morbida di Baz è esplosa in rettilineo a 300 Km/h. Baz si è alzato indenne, è andato in chiesa ad accendere uno, due, tre… ceri…. poi andato a farsi vedere le escoriazioni ❗
A parte questo irrilevante episodio  🙂 più o meno tutti i piloti si sono trovati bene, più di tutti Lorenzo che in totale nonchalance ha dato 1 secondo a tutti, a partire da Rossi secondo. Yamaha sembra effettivamente molto apposto , Ducati è un continuo laboratorio dove Petrucci sembra trovarsi molto bene, a Iannone e Dovizioso , secondo me, hanno girato più le balle che le ruote, sempre per via di Stoner.
La Honda in questa fase sembrerebbe la più in difficoltà, evidentemente la RCV aveva un’elettronica molto evoluta e la nuova centralina Marelli gli sta un pò indigesta. HRC oltre che sull’elettronica deve lavorare anche su un motore poco trattabile e Marquez dovrà sicuramente rivedere il suo stile di guida  aggressivo che non si amalgama con le Michelin, a riprova guardate il dolce Lorenzo ❗ .

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *