La spunta Jorge Lorenzo, campione del mondo motoGP 2015

yfr_editorial_use_pictures_15_01

Alla fine l’ha spuntata Jorge Lorenzo, che porta a 5 il numero dei titoli mondiali vinti.

A Valencia ha fatto l’unica cosa che doveva fare, ovvero vincere, a modo suo. Partito dalla pole grazie a un giro straordinario nelle qualifiche, ha martellato 30 giri senza pietà, un pò di resistenza sembrava poter arrivare da Marquez e Pedrosa, ma non è stato così.

I riflettori erano naturalmente puntati su Valentino Rossi, partito ultimo come sapete per la sanzione inflittagli per il fattaccio di Sepang, Vale ha fatto una gran rimonta arrivando quarto, ma i 7 punti di vantaggio che aveva non sono stati sufficienti per consegnargli il decimo titolo.

Nemmeno il tempo di stappare lo champagne e prendere un minimo di coscienza delle 7 gare vinte e dei 330 punti totalizzati da Lorenzo,  che sono riesplose le accuse e le polemiche  😈 .
Continua la tesi del complotto, oggi diventato biscottone per via del mancato sorpasso di Marquez su Lorenzo, sorpasso che sembrava fattibile. Non solo; il sorpasso e controsorpasso tra lo stesso Marquez e Pedrosa a 2 giri dalla fine è stato oggetto di indagine da parte degli imparziali Meda e Capirossi  :mrgreen: , anche quando poi lo stesso Pedrosa ha dichiarato (2 volte) di essere andato largo lasciando a MM lo spazio per entrare, fatto che comunque è molto evidente dalle immagini.

Nel dopo gara Rossi ha sparato a zero su Marquez in primis, poi contro la Honda-HRC, e in modo leggermente più pacato anche contro Lorenzo, reo di aver fatto parte del biscottone.
Non credo che la faccenda finirà oggi, oramai tra Rossi e Marquez è guerra dichiarata, zero stima reciproca e grosse gatte da pelare per la DORNA e FIM, che non potranno far finta di niente.

Sportivamente parlando pur non essendo un fan sfegatato di Rossi (il cappellino 46 non ce l’ho, ma nemmeno quello di altri piloti) ciò non significa che non lo stimo, anzi ❗ , fino a Sepang pensavo meritasse il titolo per via della sua costanza di rendimento.  Ha sempre portato a casa il massimo da ogni GP, vincendo 4 gare e andando quasi sempre a podio, qualche punto è arrivato anche grazie ad un pizzico di fortuna, ma non è un reato, e da nessuna caduta in gara, e ricordiamoci sempre dei suoi  36 anni suonati ❗ .
Ma poi si finisce sempre a parlare della Malesia.
Io parto dall’Australia, Valentino su FB scrive: “Phillip Island, Australia! Battaglia epica durante la gara della MotoGP” dopo 5 giorni la battaglia epica diventa un complotto contro di lui ❗ ❓ . Quella che per tutti è stata la gara più bella e combattuta dell’anno, che non ha fatto storcere il naso a nessuno, improvvisamente diventa una truffa ❗ .
Inizialmente c’è dello scetticismo poi tutti a dar ragione a Rossi, quello che prima nessuno aveva visto (compreso ex piloti) diventa lampante ❗ .
“Adesso tu sai che io sò” Rossi forse vuole allargare il confronto, non solo in pista ma anche a livello psicologico/mediatico; mentre Lorenzo è battibile, Marquez è una mina vagante quindi gli “prova la pressione” psicologica, lo mette alle strette e lo fa pubblicamente. Verità? Strategia? Tattica ? Bho!
Marquez forse si sente punto nell’orgoglio, invece di reagire come Valentino si aspetta, fa il contrario e gli mette i bastoni tra le ruote fino al “fallo” di reazione che costa a Rossi i 3 punti sulla “patente piloti” e la partenza da ultimo a Valencia.
E qui escono le lacune della Race Commission, che ha comminato una sanzione lasciando che la vicenda si trascinasse fino all’epilogo finale, indubbiamente condizionandolo. Una sanzione immediata a Sepang (ride trough ? ) avrebbe permesso a Rossi di partire a Valencia nella migliore posizione per giocarsi il titolo.

Marquez è un bel tipino, non c’è che dire ❗ . Quest’anno è partito con la presunzione di fare come l’anno scorso ma la moto non lo ha assecondato, anzi la Yamaha è cresciuta molto e si è dimostrata la moto migliore, la più equilibrata. A metà stagione  era già fuori dalla corsa per il titolo, eliminandosi da solo per le troppe cadute, poi ci sono stati i 2 contatti con Valentino, quello in Argentina e quello ad Assen, che hanno dato il via alla ruggine tra i due. Da quanto è in motoGP questo è sicuramente il suo peggior mondiale, è un talento puro, ma ha diverse cose da farsi perdonare ❗ .

Tra i due litiganti il terzo gode, così Lorenzo biscottone o no ha vinto più di tutti e si è dimostrato quasi sempre il più veloce, si qualche dichiarazione da sciacallo c’è stata, ma ha sfruttato a suo favore la situazione e si è portato a casa il mondiale.

69-hayden__gp_4895.middle

Ironia della sorte, 9 anni fa nel 2006 sempre a Valencia si è verificata una situazione per certi versi simile.
Nicky Hayden sfavoritissimo vince il suo unico mondiale, Valentino favoritissimo e in piena rimonta cade, naturalmente nessuno loda il brocco americano ma per tutti il titolo l’ha perso Valentino ❗ .

E’ vero, Nicky non ha fatto vedere molto altro in pista , ma oggi giorno del suo ritiro dal campionato motoGP (per passere in WSBK), riceve il massimo riconoscimento motociclistico, la Hall of Fame.

Grazie Kentucki Kid  :mrgreen:   :mrgreen: .

 

Tra pochi giorni inizia la stagione 2016, finisce l’era del monogomma Bridgestone a favore di Michelin, ma c’è anche la centralina unica per tutti, di carne sul fuoco ce nè abbastanza, speriamo che si torni a parlare al più presto solo di moto e di gare.

face-firma

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *